Gli amici che mi seguono!

venerdì 20 dicembre 2013

I cacionetti

Visto che Natale è alle porte,  voglio condividere con voi la ricetta di un dolce molto particolare che si fa in Abruzzo proprio per il Natale. Sono una specie di ravioli fritti con all'interno niente di meno che... i ceci!
Io quando ero piccola non li volevo neanche assaggiare, dicevo.. ma che dolci sono se dentro ci sono i ceci?? E visto che nella tradizione oltre che con i ceci si fanno anche con la marmellata d'uva e mandarle (in questo caso si chiama "scrucchiata") oppure con il miele e le mandorle, una volta erroneamente non riconoscendo dall'aspetto il ripieno mi sono ritrovata a mangiare un cacionetto con i ceci... è scoppiato l'amore!! non li ho più lasciati.
Personalmente non li ho mai fatti, ma sono stata da mia madre che ovviamente ha iniziato i preparativi per il Natale... ed ho finalmente avuto modo di vedere il passo passo e segnarmi la ricetta.
Ingredienti:
1 Kg di farina 00
100 gr di strutto
acqua q.b.
 Per il ripieno:
1 kg di ceci precotti (o in barattolo)
pepe
cannella
40 gr cacao amaro
1 bicchierino di liquore secco tipo Martini
buccia di arancia grattuggiata

Per iniziate scolate i ceci e frullateli fino ad ottenere una purea, mettete quindi a scolare in uno scolaverdura coperto da un panno,  se vedete che la purea è ancora un pò bagnata strizzatela per togliere l'acqua in eccesso.
Su una spianatoia mettete la farina a fontana, nel centro mettete lo strutto sciolto ed iniziate ad impastare, aggiungete anche l'acqua un pò alla volta fino ad ottenere un impasto della consistenza che si usa per fare le tagliatelle.

Preparate quindi il ripieno, mettete in una ciotola la purea di ceci, aggiungete una spruzzata di pepe, un cucchiaino di cannella, circa 40 gr di cacao amaro, la buccia di arancia ed il bicchierino di liquore;
Mescolate bene per fare amalgamare tutti gli ingredienti.
Con la macchina della pasta tirate delle sfoglie sottili (io sono arrivata fino al n. 1). Mettete quini la purea di ceci (dichiamo metà cucchiaio) sulla sfoglia per formare i "ravioli".

Chiudete, tagliate i ravioli e pressate i bordi con le dita.
Una volta ottenuti i ravioli, friggetelli in olio bollente fino a quando raggiungono un bel colore dorato. Metteteli a scolare sopra della carta assorbente ed una volta freddi cospargete di zucchero a velo. Per evitare si la sfoglia diventi morbida dovete lasciare i cacionetti possibilmente all'aria e non sovrapposti, infatti mia madre li mette in una cassetta per la frutta in modo che stiano abbastanza larghi e con l'aria che circola!

Come ho già detto il ripieno con i ceci è una particolartà della zona, ma si possono fare anche con marmellata, miele ed in alcune zone vengono fatti anche con le castagne. Inoltre mia madre negli ultimi anni li fa anche con la famosa crema al cioccolato..... (diciamo che così diventano la versione moderna).
Con questa ricetta partecipo all'iniziativa de Il Molino Chiavazza

http://cultura-del-frumento.blogspot.it/2013/12/ricordi-del-natale.html

1 commento:

Claudia Bonera ha detto...

Ciao, arrivo da te grazie al contest "Il molino Chiavazza" al quale anch'io partecipo. Complimenti per il tuo blog, mi sono unita ai tuoi lettori e mi piacerebbe tanto che tu facessi altrettanto. A presto...Claudia
http://www.lacucinadistagione.blogspot.it/